LE MANIPOLAZIONI VERTEBRALI

Le manipolazioni (vertebrali o articolari),  fanno parte del gruppo della terapia manuale e rappresentano un atto esclusivamente medico. E’ definita in maniera precisa come "una mobilizzazione passiva forzata che tende a portare gli elementi di una o più articolazioni oltre il loro gioco fisiologico, senza superare il limite anatomico del loro movimento" con  produzione del così detto rumore auscultabile come  “pop sound”    (o trust articolare). 

Consiste dunque per il rachide, nell'eseguire dei movimenti di rotazione, di lateroflessione, di flessione o di estensione, isolati o combinati, a livello del segmento vertebrale scelto. La manipolazione è quindi un gesto medico terapeutico; è una manovra  precisa, le cui indicazioni e controindicazioni devono essere definite preventivamente a mezzo di un esame anamnestico ed obbiettivo generale, e in particolare tramite un esame segmentario del paziente per individuare la sede del disturbo doloroso, spesso distante da dove il paziente lo avverte.

 INDICAZIONI ALLE MANIPOLAZIONI

  • Cefalee di origine cervicale;

  • Cervicalgie e cervico brachialgie;

  • Dorsalgie;

    • di origine cervicale bassa;

    • di origine toracica;

    • di origine costo-vertebrale o costo-sternale;

  • Lombalgie, cruralgie e sciatalgie;

    • di origine toracica bassa o lombalgia aspecifica;

    •  di origine lombare;

  • Coccigodinie;

CONTROINDICAZIONI ALLE MANIPOLAZIONI:

  • Malattie neoplastiche (primitive o secondarie, benigne o maligne);

  • Malattie reumatiche;

  • Malattie infettive acute o croniche (spondilodisciti, artriti, Tbc);

  • Malattie traumatiche recenti (fratture, lussazioni, distorsioni);

  • Osteocondrosi giovanili;

https://draylinmahmut.com/2013/04/21/high-velocity-low-amplitude-thrust-hvlat/

© Fisioterapia  Dr. Giancarli - Created by Fabio Galeotto